La Salle - Monserrato (Cagliari)

La Salle - Monserrato (Cagliari)

Fratelli delle Scuole Cristiane
Scuola Primaria Paritaria
Casa del Fanciullo "E.Pintus"

 
 
 
 

LA NOSTRA PASQUA

a cura del Prof. Fr. Giuseppe Eusepi

Benvenute a tutte le feste che, nel corso dell'anno, la Nostra Chiesa ci mette a disposizione per aiutarci a vivere meglio e a sognare un mondo migliore. Ma credo che la S. Pasqua, annunciata dai rintocchi festosi delle campane, sia da considerare la più grande solennità del mondo cristiano perché, insieme alla gioia dell'esplosione della natura che rifiorisce in primavera, ci comunica la vittoria di Gesù sulla morte e la speranza della nostra futura resurrezione.
La tradizione cristiana è ricca di simboli che ricordano la Resurrezione di Gesù e ci aiutano a comprendere meglio, senza tante spiegazioni intellettuali, il mistero dell'amore infinito di Dio per noi. Nella notte di Pasqua, nella solenne Veglia, la celebrazione si arricchisce in modo evidente col simbolismo del fuoco, massima espressione del trionfo della luce sulle tenebre, del calore sul freddo, della vita sulla morte con il quale si accende il cero, segno di Gesù risorto, luce vera del modo che illumina ogni uomo.

More »

Avviso Rette Scolastiche A.S. 2017/2018 e orari segreteria

Iscrivi tuo figlio nella nostra Scuola

scuola-primaria-paritaria-parificata-casa-del-fanciullo_monserrato_2016-2017

COLLOQUI INSEGNANTI - GENITORI a.s. 2016-2017

I docenti metteranno a disposizione un’ora alla settimana ai fini del colloquio valutativo con le famiglie degli alunni della propria classe. Essi avranno inizio il 17 ottobre 2016 e si concluderanno il 10 maggio 2017. Riportiamo, a seguire, il giorno e l’orario di ogni insegnante:

Ins. Fr. Sante Brizi: MARTEDÌ h 9:10 - 10:00

Ins. Fr. Franco Corsi: GIOVEDÌ h16:30 - 17:30

Ins. Roberta Cabras: GIOVEDÌ h 10:00 - 10:50

Ins. Loredana Sarigu: VENERDÌ h 11:10 - 12:00

Ins. Fabio Gelsomino Murgia: VENERDÌ h 12:10 - 12:50

Ins. Claudia Conca (Inglese): MERCOLEDÌ h 9:10 – 10:00

Ins. Fabiano Spanu (Musica): GIOVEDÌ h 9:10 - 10:00

Ins. Antonello Palmas (Informatica e Tecnologia): MARTEDÌ h 11:10 - 12:00

Ins. Andrea Vadilonga (Att. Motoria e Sportiva): MARTEDÌ h 8:20 – 09:10

N.B: I colloqui avranno luogo previo appuntamento diretto con l’insegnante, comunicato a voce o
sul diario (ricordando al bambino di mostrarlo all’insegnante).

ELEZIONI RAPPRESENTANTI DI CLASSE A.S. 2016 - 2017

prot-253-nr-del-30092016-rettifica-al-prot-n-238-del-20-sett-2016-elez-rappri-di-classeas2016_2017

USO DEI DISPOSITIVI ELETTRONICI NEI LOCALI DELLA SCUOLA

avviso-proibizioni-dispositivi-elettronici_as2016-2017

CALENDARIO SCOLASTICO REGIONALE a.s. 2016 - 2017 e PONTI

calendario-regione-sardegna-as2016_20171Si avvisano i sigg. genitori che i giorni di ponte, a disposizione della scuola, scelti dal Collegio dei Docenti e approvati dal Consiglio d’Istituto sono i seguenti:

Lunedì 31 ottobre 2016 (si rientra a scuola il giorno mercoledì 2 Novembre 2016)

Lunedì 24 Aprile 2017 (si rientra a scuola il giorno mercoledì 26 Aprile  2017)

Per tutte le altre comunicazioni come già l’anno scorso, seguiranno i calendari mensili delle programmazioni scolastiche 2016-2017

MENU’ MENSA SCOLASTICA

schema-autunno-inverno_pagina_1

Dalla prima alla quinta settimana

schema-autunno-inverno_pagina_21

Dalla sesta alla nona settimana

Preiscrizioni classe 1^ a.s. 2017 - 2018

aperte-le-preiscrizioni-alla-classe-prima-as-2017-2018

LA NOSTRA PREGHIERA LASALLIANA

preghiera-lasalliana_-a-cura-di-frAnno nuovo vita nuova, non è vero? Mi affretto a dirvi che non voglio stancare oltre la vostra mente strapiena di un’infinità di propositi. Solo poche righe per parlarvi di una preghierina, per noi molto importante, che non vuole rubare spazio alla vostra già sovraccarica memoria.
È una preghiera breve, semplice, spontanea:” Ricordiamoci che siamo alla santa presenza di Dio”, dovunque familiare ai lasalliani, che S. Giovanni Battista de La Salle ha prescritto che sia pronunciata, in momenti determinati, lungo tutta la giornata scolastica. More »

ANALISI DELLA SCRITTURA, UN VALIDO METODO SCIENTIFICO AL SERVIZIO DEGLI EDUCATORI

grafo01Nella mia lunga esperienza di insegnante e di educatore nella scuola, nei convitti, negli istituti educativi, nei gruppi giovanili, ho potuto constatare che gli sviluppi imprevedibili della scienza e della tecnica hanno modificato sempre di più il nostro modo di vivere e in particolare quello dei giovani. Nello stesso tempo, però, sono cresciute le difficoltà di capire noi stessi e di conseguenza gli altri.
Insieme agli strumenti offerti dalla psicologia e dalla pedagogia ho trovato nella grafologia un mezzo scientificamente valido per conoscere la nostra personalità, ossia il nostro tipo di intelligenza, le nostre attitudini, le problematiche evidenti e inconsce, i traumi, i disadattamenti, le nevrosi, le reazioni all’ambiente.
Oltre agli studi scientifici su questa materia, mi sono di notevole aiuto la fiducia e la sincera collaborazione di numerose persone, differenti per età e cultura, che ogni anno si rivolgono a me per l’esame della loro scrittura. Esse mi hanno aperto schiettamente il loro animo e confermato che il significato psicologico dei segni grafici rilevati nella loro scrittura corrispondono a verità.
Queste testimonianze mi hanno convinto a considerare l’analisi della scrittura di una persona come un elettroencefalogramma della psiche. Quello che è più importante sapere è che dall’esame grafologico non solamente riusciamo a capire la personalità dello scrivente, ma siamo in grado anche di trovare i mezzi che ci aiutano a risolvere i problemi evidenziati.
Siccome dall’analisi della scrittura possiamo conoscere i dati più nascosti e delicati dell’animo umano, chi vuole intraprendere lo studio di questa disciplina lo deve fare in modo serio e responsabile. Più possediamo sensibilità, motivazioni profonde, preparazione scientifica e più dai segni grafici possiamo ottenere ritratti psicologici ricchi e veri.
Ricordiamoci, però, che ogni scrittura rivela nello scrivente un’innata identità e una irripetibile esperienza. Perciò dobbiamo applicare le nostre cognizioni grafologiche sempre in modo nuovo e originale.

a cura del Prof. Fr. Giuseppe Eusepi

SOTTO LO SGUARDO DELLA MADRE DI DIO

A cura del Prof. Fr. Giuseppe Eusepi

messaggio-di-lourdesL’undici febbraio il calendario religioso ci ricorda le apparizioni mariane più famose della storia a Lourdes. Ai piedi dei Pirenei, Lourdes accoglie ogni anno 5 milioni di visitatori provenienti da ogni parte del mondo. Qui un giorno Maria è apparsa all’umile veggente Bernadette Soubirous, incaricandola di un grande messaggio di speranza per l’umanità, sofferente nel corpo e nello spirito.
Ci si presenta una bella occasione di parlare della SS. Vergine che, nei momenti più gravi e difficili della nostra storia, con la sua presenza anche visibile, rafforza la nostra fede e la nostra speranza in un futuro migliore. More »

FESTA DI CARNEVALE - Circ. n. 30 del 10 Febbraio 2017

circolare-n-30-del-10-febbraio-2017

PROGETTO OSCAR

logooscarplusorizzontale

Anche quest’anno riparte il progetto “OSCAR”, che vedrà impegnate le classi QUARTA e QUINTA del nostro Istituto.

Le modalità di svolgimento del corso per ciascuna classe prevedono 2 incontri di due ore per la teoria, 1 incontro di due ore teorico/ pratico e 2 incontri finali di due ore per la pratica nelle seguenti date:

progetto-oscar-2017-per-le-classi-4-e-5

LA NOSTRA QUARESIMA

la-nostra-quaresima-e-il-mercol-delle-ceneri_-a-cura-di-fr

a cura del Prof. Fr. Giuseppe Eusepi

Il Mercoledì delle Ceneri, che segna l’inizio della Quaresima, ci troviamo tutti insieme: alunni, insegnanti, rappresentanti delle famiglie, nel nostro “teatro”, per la S. Messa, durante la quale il sacerdote compirà un gesto semplice e carico di significato: spargerà sulla fonte di tutti i partecipanti un pizzico di cenere dicendo: «Convertitevi e credete al Vangelo!»

Per tutti noi sarà un gesto simbolico che ci ricorderà ciò che disse Dio ad Adamo cacciandolo dal paradiso terrestre dopo il peccato originale: «Con il sudore della fronte mangerai il pane; finché tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere tornerai!». Per carità, il sacerdote non vuole affliggerci con questo rito, ma vuole ricordarci le parole dette da Gesù al demonio che lo tentava: “Non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio! Come sarebbe bello che a questa sacra cerimonia partecipassero tutti i nostri governanti, come ci amministrerebbero meglio!

More »

Carnevale a Scuola - Tradizione e Maschere

A cura della Maestra Loredana Sarigu e della classe 2^ Primaria dell’Istituto

Carnevale Monserratino - I Flinstones Lasalliani vincono il primo premio

Una Domenica ideale a Monserrato quella del 5 marzo pomeriggio. Bellissima manifestazione e splendida sfilata di carri e maschere di Carnevale.

Il tutto si è svolto all’insegna delle tradizioni, di tanta allegria e partecipazione popolare.

Primo Premio per il miglior carro sul tema “The Flinstones” assegnato a al nostro Istituto.

5-mrzo-2017_-sfilata-di-carnevale

Francesca, Fabio e Daniela - Bravissimi!!

Artefici di questa vittoria sono Fabio Argiolas, Daniela Podda, Francesca Podda e Andrea Argiolas che con grande impegno e pazienza, hanno inventato, costruito e installato le maschere.

Si ringrazia l’Associazione di Volontariato Stella Lasalliana “ONLUS” per la partecipazione e la collaborazione.

Bravissimi tutti quanti!

Complimenti e alla prossima…

St. Patrick’s Day

In foto: San Patrizio rappresentato in una vetrata nella chiesa di Saint-Benin, Irlanda

In foto: San Patrizio rappresentato in una vetrata nella chiesa di Saint-Benin, Irlanda

St. Patrick’s Day

A cura della docente di Inglese maestra Claudia Conca e della classe 3ª primaria della scuola.

St. Patrick is the Patron offerte Ireland.

He is celebrated on March 17th.

He converted the Irish to Christianity.
Leprechaun is a gnome.

He is a rich creature who hides his treasure in secret places.

The rainbow points where the treasure of Leprechaun is hidden.

Storia

San Patrizio con tutta probabilità nacque a Kilpatrick tra il 385 ed il 392 dopo Cristo. Arrivò in Irlanda a circa sedici anni ad opera dei pirati e lavorò come pastore sulla Slemish Mountain nella contea di Antrim. Il giovane, dopo aver appreso le pratiche dei druidi e la lingua gaelica (per sei lunghi anni), scappò e si imbarcò per l’Inghilterra. Nelle sue annotazioni, si evince che in quel periodo, egli divenne moto credente pregando sia di giorno

Lavoro svolto dagli alunni della classe terza

Lavoro svolto dagli alunni della classe terza

che di notte. Durante quegli anni, inoltre, fece dei sogni importanti come quello in cui una voce lo richiamava a cristianizzare l’Irlanda. Proprio per questo decise di recarsi in Francia presso il Monastero di Auxerre dove si preparò al sacerdozio. In seguito Papa Celestino lo battezzò con il nome di Patrizio e gli diede il compito di estirpare dall’Irlanda il paganesimo. Il vescovo Patrizio tornò quindi in tale paese per espletare tale missione ma fu prima minacciato di morte e poi catturato. Fortunatamente riuscì a salvarsi e percorse l’Irlanda in lungo e largo predicando, operando miracoli e soccorrendo coloro che ne avevano bisogno. La sua opera fu così imponente che in suo onore vennero costruite moltissime chiese e la più importante si trova a Dublino. Per quanto concerne la morte di San Patrizio vi sono molti dubbi sulla data precisa ma la maggior parte degli storici la pone il 17 marzo 461 a Saul.

Festa

Festa di San Patrizio, la tradizione: il colore verde, il trifoglio e i Leprechaun Il giorno di San Patrizio in Irlanda ovvero il 17 marzo è festa Nazionale. San Patrizio, però, non è il patrono solo dell’Irlanda ma anche della Nigeria, dell’Isola di Monserrat e degli ingegneri. La parata più bella in occasione di tale ricorrenza è quella di Dublino seguita anche da quella di Montreal e di Chicago. In tale occasione tutti gli addobbi e i colori dei vestiti diventano verdi ma non solo dove si svolgono le parate ma in tutti i luoghi in cui si festeggia il Santo. Secondo la tradizione, poi, il trifoglio è il simbolo della festa di San Patrizio perché il Santo lo utilizzò come metafora per spiegare agli irlandesi pre-crestiani cosa era la Santa Trinità. Il colore verde, invece, non fu adottato dall’inizio ma in seguito in quanto rappresentava il colore della stagione della primavera e del trifoglio. All’inizio il colore di tale festa era il blu ovvero quello della veste del santo. Ricordiamo infine che una delle usanze di tale festa è quella di cercare la pentola d’oro e i Leprechaun ovvero i folletti irlandesi che si dice siano molto ricchi e siano soliti occultare i loro tesori.

*INVESTIREOGGI /Festa di San Patrizio 2017 / Alessandra Di Bartolomeo