La Salle – Monserrato (Cagliari)

La Salle – Monserrato (Cagliari)

Fratelli delle Scuole Cristiane
Scuola Primaria Paritaria
Casa del Fanciullo "E.Pintus"

 
 
 
 

Annunciazione del Signore

a cura di Fratel Giuseppe Eusepi

La festa dell’Annunciazione, in coincidenza con la primavera, stagione della rinascita della natura, porta anche un risveglio al nostro spirito, alla nostra mente, al nostro cuore. La celebrazione dell’Annunciazione, ha avuto origine fin dai primi secoli del cristianesimo, ma solennità liturgica si è diffusa all’epoca dell’imperatore d’Oriente Giustiniano, nel VI secolo, ed è stata introdotta nella Chiesa dal papa Sergio I, alla fine del VII secolo, con una solenne processione alla basilica di Santa Maria Maggiore. Il dialogo più importante della storia ha avuto luogo in una povera casa di Nazareth, città secondaria di una terra di provincia, la Galilea, fra un angelo del Signore e una vergine chiamata Maria, della casa di Davide, unita in matrimonio con un artigiano di nome Giuseppe. L’angelo del Signore dà l’annuncio a Maria: «Ecco, concepirai e darai alla luce un figlio, che sarà chiamato Figlio dell’Altissimo». Maria risponde: «Ecco la serva del Signore, avvenga per me secondo la tua parola». La Santa Vergine non si limita a dare un generico assenso, ma pronuncia un sì nel quale riversa tutta la sua anima e tutto il

suo cuore E così, compiutasi la pienezza dei tempi, Colui che era prima dei secoli, l’Unigenito Figlio di Dio, «per noi uomini e per la nostra salvezza si incarna nel seno di Maria Vergine per opera dello Spirito Santo e si fa uomo», come recitiamo nel Credo. Leggiamo nel Vangelo che, terminato l’incontro, “l’angelo partì da lei”. Un vuoto incolmabile? No. Lo stesso Vangelo ci rassicura: “Il Verbo si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi, a mettere tra noi la sua tenda” segno della permanente presenza del Salvatore, annunciato a Maria. Anche dopo questa sublime realizzazione, Maria resta la ragazza di prima, una semplice creatura tutta disponibile a Dio. Ella, abitata da Dio, vive in funzione di Dio e del suo progetto, un evento straordinario che la proietta in una posizione unica: è la Madre di Dio. Questa è la sua vera grandezza. Per questa ragione Dio vuole che l’umanità intera le sia debitrice: è Lei che ha fatto in modo che Gesù si facesse nostro fratello. Dinanzi a questo mistero di salvezza siamo invitati a fare in modo che il sì totale e definitivo di Maria diventi il nostro abituale atteggiamento. Senza alcun rimpianto, totalmente compresa del grande dono, con la luce interiore dello Spirito Santo, Maria ha detto il suo sì lungo tutto una vita, rendendo possibile la realizzazione del progetto tutto di Dio, ma che prevedeva, per la sua realizzazione, anche il nostro contributo. Dando, come Maria il nostro sì incondizionato, fin da quaggiù possiamo essere abitatori del cielo. Possiamo vedere cose e avvenimenti sotto una luce diversa, perché realmente la nostra è una storia di salvezza. Dal giorno dell’Annunciazione un oceano di benedizioni si è riversato sulla terra. Dio, come nel paradiso terrestre, vuol tornare a, dialogare amichevolmente con l’uomo, creato a sua immagine e somiglianza e suo capolavoro. Maria, con la sua totale disponibilità ha reso possibile il più grande progetto di Dio, di capitale importanza per tutta l’umanità, imperscrutabile alla mente umana. Come Gesù ha vissuto la vita umana senza perdere la dignità di Dio, così sarà possibile all’uomo vivere “da Dio” rimanendo pienamente uomo. Dio si è fatto uomo perché l’uomo diventasse Dio! Nel nostro mondo, che va alla deriva, l’uomo moderno che ha iniziato a percorrere le illusorie vie del piacere e della ricchezza, immerso nella delusione, ha una Stella luminosa che gli indica la via da seguire: Maria. Se l’umanità sembra rifiutare Dio, c’è una madre che non sopporta vedere i suoi figli incamminati verso la perdizione: è Maria. Non abbiamo più fiducia in niente e nessuno? Proviamoci, non costa niente, cerchiamo personalmente il conforto, il coraggio, la serenità, la sicurezza che soltanto può dare Maria, una madre che non delude mai!

Comments are closed.