La Salle – Monserrato (Cagliari)

La Salle – Monserrato (Cagliari)

Fratelli delle Scuole Cristiane
Scuola Primaria Paritaria
Casa del Fanciullo "E.Pintus"

 
 
 
 

S. Teresa d’Avila

A cura di Fratel Giuseppe Eusepi

Nacque ad Avila in Spagna da nobile e antica famiglia virtuosa e timorata di Dio, prima donna ad essere dichiarata Dottore della Chiesa. Ci è molto attraente questa santa umile, semplice, umana, scrittrice genialissima e feconda, maestra di vita spirituale, contemplativa, instancabilmente attiva.
Come fece allora, anche oggi la Santa, con il suo genio femminile, ci apre nuovi orizzonti, a guardare il mondo con gli occhi di Gesù, per cercare ciò che Lui cerca e amare ciò che Lui ama. Nella nostra società tanto carente di valori spirituali, ci insegna a sentire realmente questa sete di Dio che si trova nella profondità del nostro cuore.


Nella sua autobiografia ella stessa menziona alcuni particolari della sua infanzia. Ancora bambina, a meno di 9 anni, ha modo di leggere le vite di alcuni martiri che le ispirano il desiderio del martirio, tanto che improvvisa una breve fuga da casa per morire martire e salire al Cielo. “Voglio vedere Dio” dice la piccola ai genitori. Da ragazza, cerca l’ebbrezza dell’amore, ma non trovandolo sulla terra, nonostante fosse bella, corteggiata, innamorata degli abiti di seta e dei balli di corte entra a vent’anni nel monastero del Carmelo di Avila. Ma fino a quarant’anni conduce una vita religiosa molto mitigata per non dire mediocre, senza ardore di santità. Fatica molto prima di arrivare a quella che lei chiama la sua «conversione», a 39 anni.
Nella sua biografia ci dice che la scoperta fortuita della statua di “un Cristo molto piagato” segnasse profondamente la sua vita: “Accadde… che d’improvviso mi venne un senso della presenza di Dio, che in nessun modo potevo dubitare che era dentro di me o che io ero tutta assorbita in Lui.” Da allora inizia una nuova tappa della sua vita religiosa unendo alla più alta contemplazione un’intensa attività come riformatrice dell’Ordine carmelitano fondando nuovi conventi maschili e femminili con un ritorno all’austerità della Regola primitiva monastica. Si mette a viaggiare rinunciando ad una vita comoda sopportando fatiche e disagi nonostante la sua salute malferma e le continue incomprensioni.
Guidata da Dio per mezzo di visioni e intimi colloqui è maestra di mistici, direttrice di coscienze. Scrive al re Filippo II e ai personaggi più autorevoli della Spagna. Si occupa di tutto e da brava madre pensa alla parte economica delle sue fondazioni. Diceva che “Teresa senza la grazia di Dio è una povera donna. Con la grazia di Dio una forza. Con la grazia di Dio e molti denari una potenza.”
L’intensità della vita spirituale, la grande opera realizzata, la gravità delle malattie e delle sofferenze d’ogni genere, non impediscono a S. Teresa di scrivere quelle stupende opere in cui ci consegna la sua esperienza mistica e la sua dottrina con le quali svolge ancora, nel Carmelo e nel mondo, l’ardente attività della sua anima apostolica ed è sempre, a tutti, Maestra e Madre di vita spirituale.
Alcuni suoi pensieri bellissimi e profondi:
“L’orazione mentale non è altro, per me, che un intimo rapporto di amicizia, un frequente intrattenimento, da solo a solo, con Colui da cui sappiamo d’essere amati.”
“Certo bisogna imparare a pregare. E a pregare si impara pregando, come si impara a camminare camminando.”
“La porta per cui mi vennero tante grazie fu soltanto l’orazione. Non ha altra via che questa.”
“Fate il possibile di stargli sempre accanto. Se vi abituerete a tenervelo vicino ed Egli vedrà che lo fate con amore e che cercate ogni mezzo per contentarlo, non solo non vi mancherà mai, ma, come suole dirsi, non ve lo potrete togliere d’attorno.”
L’esempio di questa Santa, profondamente contemplativa ed efficacemente operosa, spinga anche noi a dedicare ogni giorno il giusto tempo alla preghiera. Anche oggi, come nel secolo XVI e in mezzo a rapide trasformazioni, è necessario che la preghiera confidente sia l’anima del nostro apostolato.


Comments are closed.